Stampa

CANTAMAGGIO DI JESI-NUMANA (AN) (Ascolta)

Testo tratto dal libretto allegato al disco “CANTI RITUALI DI QUESTUA DELLA TRADIZIONE ORALE MARCHIGIANA” M.C.M. Records - 050LP-W793 a cura di Gastone Pietrucci

Carì ssignori ve saludo a ttutti

vi canto una storiella e vveri fatti

che maggio ce lli porta rose e ffrutti

noi li rriccojeremo dopo fatti

Deccu che maggio d’ogni frutto ’llega

puré alla fava ji fa fa’ lla tega

lle donne cure (1) giù co’ la pannella (2)

e tte lla frega tutta la più  bella

E si alza lla mmatina la spusetta

dicea quant’era mejo giovanetta

io vo’ a’la messa e prendo l’acqua santa

non c’e più un giovanetto che mmi guarda

Di maggio che ffiorisce lle viole

guardade quant’è bbelle lle fijole

ma certo son’ vvenude da llevante

che de bellezze ne portade tante

Cara vvergara monta su quel banco

tajà ’nna ffetta di quel porco bianco

tajélo de’la parte della coda

bbono lo porco è mejo lla padrona

O vvergaretta va giù llo pollaio

che de galline ce ne chiappi un pajo

se fosse una bianca e ’n’antra nera

quand’è ppelade è tutte unà maniera

O vvergaretta porta giù vvent’ova

se lla parola mia ti pare troppo

ne levi due ne ’rmane dicidotto (3)

de dicidotto no’ ne leva’ più

sinnó non ce ne tocca sei per’ù’ (4)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (5)

Sta’ ’ttenti ssonatore co’ ’I cervello

che ‘sta ppadrona ci ha promesso un gallo

se je llo fai senti’ ’n bel saltarello

O bbona gente che avedé ’scoltado

portadece da bé’ ch’emo cantado

portadece da bé’ ch’emo cantado

portadece da bé’ ch’emo cantado

Che bbona gente se avedé ’scoltado

portadici da bé’ ch’emo mangiado

portadici da bé’ ch’emo mangiado

portadici da bé’ ch’emo mangiado

1. corrono 
2. grembiule 
3. corruttela di diciotto
4. per uno. Questo passaggio conferma ulteriormente che la formazione classica del gruppo marchigiano di questua dell’anconetano, era composta soltanto da tre elementi: “timpani” (triangolo), cembalo, organetto e voci maschili.

5. Altre strofe del CANTAMAGGIO

Puré  llo contadino sta contento

che co’ ’I padrone ha fatto poco appronto (1)

dicé  quand’è ’sta ’gosto mi rammento

di ciò  che ho speso ne rinsaldo il conto

Si ràllegra’ lle donne in questo mese

prendé’ quadrini e ’rmane’ persuase

che de ricotte ne fannó  ’n’ imprese

le scorze di formaggio è ccolme rase

Se cci dadé  ’I bon’ vì’ il cor’ cci batte

se non ce lo voi dà’ portà lla botte

le forme di formaggio venghi ’ntatte

vi lascio come maggio e bbona notte

E sse ne bevi un pò  de ’sti sciroppi

non vedi più  né fratte ripe e fossi

ma se lo fosso è grande non si scopre

faria ’na tiritoppola (2) sotto e sopre

A mmezzanotte vini (3) la consegna

’prile detté ’no sguardo a’la campagna

ad uno ad uno scàlzade la legna

la neve de ’st’inverno più le bagna 

Cosà  hai fattó padró’ che sei stizzado (4)

su sso visuccio tuo non vedo riso

per caso vi avemo disturbado

vi prego per pietà  dàteci avviso

Vi prego non piade (5) lu bastone

su ppé’ lla schiena ce lo venghi a dare

e ppoi ce lo dicessi poveraccio

piéde su ’sta mancia ch’io te faccio (6)

Se llo padrone non farà ’ste cose

ci ha ’na faccetta ’sì bbellà garbada

ce darrà  ’lI’ovi per fa’ ’na frittada

ci ha ’na faccetta ’sì bellina adorna

se canta maggio ce darrai ’na forma

L’ho viste le ragazze ben’ pulite

co’ li lisci capelli e ddelicate

e dopo un mese al suo marido unide

l’ho rrivedude tutte scarpijade (7)

El falegname quando prende moje

lo butta via ’I martello e lle tanaje

campà  co’ lla speranza de’la moje

M’ha detto unà ssignora ieri sera

prendé  mmarido è ’na gran’ fregadura

prima ’i portavo giù quei pagni (8) belli

adè’ combatto sempre co’ i monelli

L’avede visto quel pradó ffiorido

è diventado un pradó fienado (9)

quest’è ’I vantaggio de prendé’ marido

lo brama solo chi no’ lI’ha provado

1. poco debito

2. capitombolo, ruzzolone

3. avviene

4. incollerito

5. non prendete

6. quando in una casa colonica passavano diversi gruppi a cantare il maggio, gli ultimi non erano sicuramente graditi e forse incappavano in qualche sgradita accoglienza, di qui la preoccupazione del cantore. Tra l’altro diventava un vero problema per l’economia familiare ricompensare tutti i numerosi gruppi dei questuanti, allo stesso modo e con la stessa generosità.

7. spettinate

8. vestiti

9. prato falciato


Conosci il gruppo Folcloristico "La Raganella"