Home Lacrima e Tartufo Edizione 2010 Museo e "De Gustibus"
Banner
Banner
Banner
PDF Stampa E-mail

 

MUSEO


Dei tartufi e delle Lacrime”

 

Il Museo di Morro d’Alba, la raccolta di testimonianze della cultura rurale denominata “Utensilia”, ospita ancora un insolito viaggio nel gusto e nella storia, presentato come un’antologia di citazioni e “voci”. Anche in questa edizione 2010 della Festa del Lacrima e Tartufo viene proposta la mostra curata da Tommaso Lucchetti, storico dell’arte e della cultura gastronomica conviviale, Dei tartufi e delle “lacrime”: le voci e i sentieri del tempo. Viaggio, scritto e gustato, nella tradizione dei tartufi e del vino Lacrima. Si tratta di tributare l’onore al passato di queste due tipicitˆ nobili, legate a doppio filo dal “particolare” delle Marche ad un “universale” che non conosce confini.

Un percorso capace di raccontare la storia incrociata del tartufo e del “Lacrima” attraverso un’antologia congiunta e parallela di citazioni e di ricette, tratte da fonti archivistiche e bibliografiche dall’antichità al presente, attingendo variamente da documenti di genere differente, trattati enologici e agronomici, manuali di cucina e scalcheria (l’antica arte del ricevimento) come anche la letteratura d’invenzione, attraverso due percorsi paralleli che visualizzino questo racconto per frasi e affermazioni di autori illustri, raccogliendo l’ampio spettro di aspetti specifici di queste due raffinate colture, tra raccolta e produzione, trasformazione ed elaborazione, tra dispensa e cantina, cantina e tavola.

 

Mostra nel museo cittadino sul vino Lacrima e sul tartufo d'Acqualagna

 

Duo musicale Broglia Coloccia



Duo BROGLIA-COLOCCIA

All’interno dei locali di “Utensilia”, il duo, composto da oboe e violoncello, si esibirà in un programma di genere classico con pezzi di musica barocca creando un’atmosfera delicata, avvolgente e di sottofondo alla visita di quanto esposto nel Museo o negli spazi dedicati alla Mostra di scritti, documenti e antiche ricette.

I due artisti eseguiranno pezzi di G. P. Telemann (1681-1767) e F. Couperin (1668-1733).

 

 

SALA “DE GUSTIBUS”


Ad accogliere invece il “gusto” del percorso letterario della mostra è l’adiacente sala “De Gustibus”, sede della Pro Morro, dove i visitatori della Mostra potranno concludere il loro cammino degustando alcune delle antiche ricette di tartufo e Lacrima, elaborate dallo chef Claudio Colaone, riscoprendo, così, sapori dimenticati o mai prima d’ora immaginati.

Le degustazioni avranno luogo:

sabato 16, nella mattinata alle ore

12,00 - 13,00 - 14,00

e nella serata alle ore

19,00 - 20,00 - 21,00 - 22,00;

domenica 17, nella mattinata alle ore

12,00 - 13,00 - 14,00

e nella serata alle ore

18,00 - 19,00 - 20,00 - 21,00.


é consigliato prenotare la visita alla mostra con degustazioni, durante i giorni della festa, al numero telefonico 328 54 87 491 o recandosi presso il Museo Utensilia.

Sempre su prenotazione, è possibile fare solo la degustazione.

 

Il Sistema Museale propone, inoltre, percorsi culturali ed enogastronomici in seno alla festa per sabato 16 e domenica 17 alle ore 11,00 e alle 18,00, con pacchetto comprendente visita al Museo, Mostra e Degustazione + Pranzo o Cena, da prenotare obbligatoriamente entro le ore 18,00 di venerdi 15 ottobre al Numero Verde 800.439392

Per informazioni consultare il sito internet www.musan.it

 

Immagine degustazioni lacrima e tartufo Immagine degustazioni lacrima e tartufo

 

Shef Colaone

CLAUDIO COLAONE, chef

Giovane cuoco, vanta già alle sue spalle un’esperienza pluriennale ai fornelli delle cucine marchigiane.

Motivato da una grande passione, ama creare graziose decorazioni che arricchiscono i suoi menu di un tocco di gustosa eleganza.

Legato alla cucina tradizionale marchigiana, non disdegna sperimentare nuovi gusti e ricette della cucina estera.

 
Banner
Associazione PROMORRO - Pro Loco Morro d'Alba - Camminamento la Scarpa, 27 - 60030 Morro d'Alba AN - info@promorro.it
Copyright © 2019 www.promorro.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.